Caosmosi - FLK: Adieu Monsieur Federicò

Vai ai contenuti

Menu principale:

le canzoni
CAOSMOSI

Ogni dì claps slis e zâi di soreli 
Un cercli tai vôi, poçs di grispis viêlis 
Bombons pì nancje sumiâts 
Taun sium in sfese spalancâts 
Son spalancâts su la Afriche 
E sul tam-tam da la anime 
Tal ros di sere di chist unviâr 
Che sui mei monts a si piart 
Incrudît sul niçul-naçul 
Glot svualant la me memorie 
Une storie cence crôs 
Tocs di strade e odôrs 
Ai sumiât une cjarece 
Di une man ch'a fâs ‘ne strece 
Int ch’a vai ch'a rît, ch’a clame 
Il non di Diu, no chel di Rome 
L’orcolat si fâs la creste 
Il cjant da tiare ch’a proteste 
A’nd è muarts ch’i vaiva 
Ch’i no voleva ch’a jè displaseva

A’nd è muarts 
ch’i vaiva 
ch’i no voleva 
ch’a jè displaseva

A'nd è muarts 
miei di me 
ch'i vaiva
ch'i no voleva 
ch'a jè displaseva

A'nd è muarts
pi zovins di mè
ch'i vaiva
ch'i no voleva 
ch'a jè displaseva
ch'i vaiva
ch'i no voleva 
ch'i se curava
ch'i no capiva
ch'i no voleva
ch'i se curava
ch'i no capiva
ch'i no voleva
lassà ce ch'i veva

CAOSMOSI

Ogni giorno sassi lisci e gialli di sole
Un cerchio negli occhi, pozzo di vecchie rughe
Dolci più neanche sognati
spalancati in un sogno socchiuso
Spalancati sull'Africa
e sul tam-tam dell'anima
Nel rosso di sera di questo inverno
che si perde sulle mie montagne
Intirizzito sull'altalena
Inghiotto volando la mia memoria
Una storia senza croci
pezzi di strada e di odori
Ho sognato una carezza
di una mano che fa una treccia
Gente che piange, che ride, che chiama
il nome di Dio, non quello di Roma
L'"orcolat" si fa la cresta
Il canto della terra che protesta
Ce ne sono di morti che piangevano
che non volevano, che si dispiacevano

Ce ne sono di morti 
che piangevano
che non volevano 
che si dispiacevano

Ce ne sono di morti 
migliori di me
che piangevano
che non volevano 
che si dispiacevano

Ce ne sono di morti 
più giovani di me
che piangevano
che non volevano 
che si dispiacevano
che piangevano
che non volevano
che si curavano
che non capivano
che non volevano
che si curavano
che non capivano
che non volevano
lasciare quel che avevano

 
Torna ai contenuti | Torna al menu