Ce fadìa - FLK: Adieu Monsieur Federicò

Vai ai contenuti

Menu principale:

le canzoni
CE FADÌA

Ce fadìa faie capî a la zent 
chi non ‘n d’è scuoles che 
te insegna a fâ al mat 
Ce fadìa fasse spiegà il parcè 
si ha un bisuign desperât 
de vive e anç da murî
E de gnot el cour te bat su la man
E de gnot il cour al nol duar mai 
Un coma me 
che no tu scjampe pì
tu te devente Andrées 
Un coma me 
un che la me puisia 
eis coma un temporâl 
preziosa eresia 
un coma me, ce fadìa
Ce fadìa se al miarle al piârt la vous 
jù pa la val ce freit 
e cjapâ a puigns al nua 
Ce fadìa cjalâ il tramont sul Fara 
dal scûr da galaria
e vuarde il panorama 
E de gnot al cour te bat su la man 
E de gnot il cour al nol duar mai 
Un coma me
che no tu scjampe pì
tu te devente Andrées 
Un coma me 
un che la me puisia 
eis coma un temporâl 
preziosa eresia 
un coma me, ce fadìa

CHE FATICA

Che fatica farlo capire alla gente
che non ci sono scuole che
ti insegnano a fare il matto
Che fatica farsi spiegare il perchè
si ha un bisogno disperato
di vivere e anche di morire
E di notte il cuore ti batte sulla mano
E di notte il cuore non dorme mai
Uno come me
che se non scappi più
tu diventi Andreis
Uno come me
uno che la poesia
è come un temporale
preziosa eresia
uno come me: che fatica
Che fatica se il merlo perde la voce
giù per la valle, che freddo
e prendere a pugni il nulla
Che fatica guardare il tramonto sul Fara,
dal buio della galleria
guardo il panorama
E di notte il cuore ti batte sulla mano
E di notte il cuore non dorme mai
Uno come me
che se non scappi più
tu diventi Andreis
Uno come me
uno che la poesia
è come un temporale
preziosa eresia
uno come me: che fatica
 
Torna ai contenuti | Torna al menu