La nâf spaziâl - FLK: Adieu Monsieur Federicò

Vai ai contenuti

Menu principale:

le canzoni
LA NÂF SPAZIÂ

Chîsta
‘e n’éis ‘na conta 
pai nins, 
éis ‘na storia vera, 
da matz. 
Al disivuot d’avost 
da l’otantedoi, 
apena iessût da l’ospedal 
ma soi serât in cjamera, 
ài metût doi armaróns 
e un comodìn 
denant la puarta. 
Po’ me soi metût sul liet 
coma un astronauta. 
De four de la puarta 
i me clamava duç: 
“Iés! Iés!”. 
“No, no! ‘E soi ch’e sgôrle 
in ta la nâf spaziâl, 
no stei desturbâme, 
vô ‘e séi de un antre mont”. 
E i passava li ores... 
Intant jo incrosave 
steles e galassies 
e ucei strambus.
Al speciu al faseva da oblò 
e al sofit da firmament. 
E de four, 
mitant preocupatz: 
“Iés! Iés! 
Ah, diu, al é mat!” 
Jo ‘e continuave a sgorlâ, 
incjamò doi mil ans-lûs 
e sarés rivât sul sorele. 
Li ombrenes sui murs 
e i rumours de li machines 
i faseva al sussûre dal motour 
de la nâf spaziâl. 
E ‘i son passâtz doi dîs... 
“Iés! Iés! 
No màngestu?
Ah, diu, al é mat! 
Paràn jù la puarta!” 
Ma la puarta a resisteva. 
E jo, in alt, 
pì in alt! 
E de four dut un rumour: 
“Iés! Iés! 
Ce fàistu uvì? 
Dai mo, su, nin! 
Ah, diu, al é mat!”
“Lassâme stâ!
‘E soi su la nâf spaziâl.
‘E scjampe, 
e al mont 
lu jôt lontan 
e i omi pici pici... 
“ E ‘i son passâtz tre dîs... 
‘I àn sfuarcjât la puarta, 
‘i àn parât jù i armarons 
e al comodin. 
Jo ju spetâve, platât 
sot al liet. 

AH, DIU! 
I SON RIVÂTZ
I UMANS!”

LA NAVE SPAZIALE

Questa
non è una fiaba
per bambini,
è una storia vera,
da matti.
Il diciotto agosto
dell'ottantadue,
appena uscito dall'ospedale
mi sono chiuso in camera,
ho messo due armadi
ed un comodino
davanti alla porta.
Poi mi sono disteso sul letto,
come un astronauta.
Fuori dalla porta
mi chiamavano tutti:
"Esci! Esci!".
"No, no! Sono in volo
nella nave spaziale,
non disturbatemi,
voi siete di un altro mondo".
E passavano le ore...
Intanto incrociavo
stelle e galassie
ed uccelli strani.
Lo specchio faceva da oblò
ed il soffitto da firmamento.
E da fuori,
molto preoccupati:
"Esci! Esci!
Oh, Dio, è matto!"
Io continuavo a volare,
ancora duemila anni-luce
e sarei arrivato sul sole.
Le ombre sui muri
ed i rumori delle macchine
facevano il rumore del motore
della nave spaziale.
E son passati due giorni...
"Esci! Esci!
Non mangi?
Oh, Dio, è matto!
Buttiamo giù la porta!"
Ma la porta resisteva.
Ed io in alto,
più in alto!
E fuori tutto un rumore:
"Esci! Esci!
Cosa fai lì?
Su, da bravo!
Oh, Dio, è matto!"
"Lasciatemi stare!
Sono sulla nave spaziale.
Fuggo,
ed il mondo
lo vedo lontano
e gli uomini piccoli piccoli..."
E son passati tre giorni..
Hanno forzato la porta,
hanno buttato giù gli armadi
ed il comodino.
Io li aspettavo, nascosto
sotto il letto:

"AH DIO!
SONO ARRIVATI
GLI UMANI!"
 
Torna ai contenuti | Torna al menu