Sumiant la religion - FLK: Adieu Monsieur Federicò

Vai ai contenuti

Menu principale:

le canzoni
SUMIANT LA RELIGION

Signour 
No crout, no crout 
e pura soi uchi 
denant inzenoglât 
Ah se tu saves 
Mi plasin les contradizions 
Par restâ me stes 
Soi stupedu 
A no l’ocor ca tu lu dise 
Al mancul reuscît 
dai tiei fîs. 
Soi brut e soi un falît 
E pura no ai nua da domandâte 
No vuei meracui su de me 
Me contente che al soreli 
Al me dise bundì 
Signor no soi uchi 
par sgonfâme coma un pavon 
Ma nanc' par bate al sen 
Domandant perdon.
Io e soi nome un nin 
Che al vai e al va indenant a stent 
Io e mour su n’antra crous 
Muardint i clautz
e pocant i peis 
In jù a sintî
l’erba ch'a cres
SOGNANDO LA RELIGIONE

Signore
non credo non credo
eppure sono qui
davanti inginocchiato
Ah se sapessi
mi piacciono le contraddizioni
per poter restare me stesso
Sono uno stupido
non occorre che te lo dica
il meno riuscito
dei tuoi figli
Sono brutto sono un fallito
eppure non ho nulla da chiederti,
non voglio miracoli per me,
mi accontento che il sole
mi dica buongiorno.
Signore, non sono qui
per fare la ruota come un pavone
ma neanche per battermi il petto
chiedendo perdono.
Io sono solo un bambino
che piange e arranca a fatica.
Io muoio su una croce diversa
mordendo i chiodi
e spingendo i piedi
in giù a sentire
l'erba che cresce.
 
Torna ai contenuti | Torna al menu